IL DIRIGENTE
Visto il vigente Regolamento per l’assegnazione di aree destinate ad insediamenti produttivi nell’ambito del P.I.P., approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 14 del 10/05/2022

RENDE NOTO CHE
in osservanza di quanto stabilito all’art. 4 del suddetto Regolamento, prendono avvio le procedure relative alla ricognizione e riassetto delle assegnazioni di cui ai precedenti Bandi, secondo le seguenti modalità:

a) Ripresa dell’attività di realizzazione degli impianti da parte di imprese già assegnatarie.

Tutte le imprese che non abbiano rispettato i termini convenzionali ma che abbiano la volontà di riprendere le attività di completamento degli investimenti devono comunicarlo all’Ufficio entro 30 gg. dalla pubblicazione del presente avviso.

E’ concesso un ulteriore termine di gg. 60 da detta comunicazione per la presentazione delle istanze di provvedimento autorizzativo unico (PAU), degli aggiornamenti progettuali o della presentazione della documentazione integrativa già richiesta dagli Uffici.

Negli atti di assenso o di permesso l’Ufficio assegnerà i nuovi termini per l’inizio lavori e/o il completamento delle opere.

Per eventuali opere in corso la cui esecuzione sia stata sospesa, dietro istanza di parte, l’ufficio assegnerà i nuovi termini per il loro completamento, nei termini previsti dal DPR 380/2001.

Per la ripresa delle procedure le imprese interessate dovranno versare una sanzione pari al 5% del costo originario di acquisizione dell’area a titolo di sanzione.

b) Cessione diretta dell’area assegnata ad altra ditta.

Entro gg. 60 dalla pubblicazione del presente avviso le imprese già assegnatarie che non possano o non intendano proseguire nelle attività di realizzazione, possono comunicare la volontà di cedere l’area direttamente ad altre imprese che posseggano i requisiti per l’insediamento nel Piano. In tal caso, necessita apposito nulla osta da parte degli uffici comunali in merito al prezzo di cessione adeguato a quello stabilito annualmente con deliberazione di Consiglio Comunale, il cui rilascio è vincolante alla possibilità di trasferimento dell’area. Detto nulla osta dovrà essere obbligatoriamente allegato all’atto pubblico di cessione con indicazione del prezzo.

L’eventuale differenza tra corrispettivo attuale e valore originario di acquisto, se positiva, sarà versata al Comune di Andria costituito in sede di stipula. Comunque al Comune è dovuta una sanzione del 5% del costo originario dell’area, da versarsi da parte del cessionario all’atto della stipula.

Eventuali prelazioni del Comune, nei termini di regolamento, potranno essere esercitate con comunicazione scritta dell’Ufficio nei 30 giorni successivi.

In mancanza di comunicazione da parte del Comune di tali prelazioni e comunque entro gli ulteriori 60 gg. successivi l’area potrà essere effettivamente ceduta.

A partire dalla data del passaggio di proprietà decorreranno i termini di realizzazione del programma per la nuova impresa subentrata.

La cessione dovrà avvenire tramite convenzione che recepisca tutte le prescrizioni del presente regolamento, e accollo cumulativo all’avente causa di eventuali obbligazioni del cedente nei confronti del Comune. Il cedente rimarrà obbligato in solido con il cessionario per tali pendenze.

c) Retrocessione volontaria.

Entro 30 gg. dalla pubblicazione del presente avviso le imprese non più intenzionate a realizzare gli investimenti produttivi nei lotti PIP dovranno confermare o comunicare ex novo la volontà di retrocedere l’area al Comune, invitando e legittimando l’Ente ad intendere il lotto come disponibile ad una eventuale futura riassegnazione, alle condizioni del presente regolamento, a terzi indicati dal Comune stesso, all’esito delle procedure previste per l’individuazione di cui all’art. 5 del regolamento.

Per tali posizioni l’Ufficio procederà a rendere disponibili i lotti in parola per nuovi richiedenti.

All’atto della nuova assegnazione, il Comune restituirà al precedente assegnatario il costo originario di acquisto dell’area, trattenendo un importo, a titolo di sanzione, pari al 10%.

d) Retrocessione forzata.

Per le imprese assegnatarie non rientranti nelle ipotesi di cui ai punti a), b) e c) precedenti o che non rispettino i termini temporali ivi previsti, si procederà alla risoluzione per inadempimento (clausola risolutiva espressa, secondo le modalità, i termini e con le conseguenze previste nella originaria convenzione) e all’avvio delle procedure di retrocessione entro 120 dalla pubblicazione del presente avviso.

L’inadempimento da parte dell’assegnatario costituisce causa di risoluzione contrattuale la cui pronuncia dovrà essere trascritta, a cura del Comune, nei pubblici registri immobiliari.

A titolo di sanzione sarà trattenuto il 70% del costo originario di acquisizione dell’area, ove la convenzione o la procedura di retrocessione non producano valori risarcitori maggiori.

Tutte le comunicazioni di cui ai punti precedenti dovranno essere indirizzate al Settore Pianificazione URBANISTICA, EDILIZIA PRIVATA, CONTROLLO DEL TERRITORIO- SERVIZIO PIANIFICAZIONE URBANISTICA GENERALE ED ATTUATIVA, RIGENERAZIONE URBANA del Comune di Andria, Piazza Trieste e Trento-IV piano e consegnate a mano allo sportello del Settore dalle ore 9,00 alle ore 12,00, dal Lunedì al Venerdì, o inviate tramite PEC al seguente indirizzo di posta elettronica certificata del Settore: pianificazionestrategica@cert.comune.andria.bt.it

a partire dal giorno 28 luglio 2022 e sino al giorno 26 agosto 2022.

Si comunica altresì che:
– il responsabile della protezione dei dati è l’avv. Paolo SOMMA-indirizzo di posta elettronica: contatto.rdp@gmail.com;
– l’Amministrazione competente è il Comune di Andria-Settore Pianificazione URBANISTICA, EDILIZIA PRIVATA, CONTROLLO DEL TERRITORIO;
– il Responsabile del procedimento è il Dirigente del Settore Arch. Pasquale Antonio CASIERI-indirizzo di posta elettronica: p.casieri@comune.andria.bt.it.

Per informazioni e chiarimenti contattare i seguenti numeri telefonici: 0883290421- 0883290406-0883290414.

Il presente Avviso viene pubblicato integralmente per 30 giorni, a decorrere dal giorno 28/07/2022, all’Albo Pretorio on line comunale, nel centro abitato tramite l’affissione di manifesti, nonché sul sito internet istituzionale del Comune di Andria al seguente link: https://www.comune.andria.bt.it.

Il Dirigente
Arch. Pasquale Antonio CASIERI

avviso-pip-2022

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" ne autorizzi il loro utilizzo.

Chiudi

Powered by themekiller.com anime4online.com animextoon.com apk4phone.com tengag.com moviekillers.com