Di seguito il testo del Dpcm del 3 novembre 2020, firmato dal Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e dal Ministro della Salute, Roberto Speranza, con ulteriori misure per il contrasto e contenimento dell’emergenza epidemiologica da Covid-19.

04-11-2020_dpcm_3_novembre_2020

04-11-2020_allegati_dpcm_3_novembre_2020

04-11-2020_modello_autodichiarazione_editabile_2020

Quindi, dal 6 novembre al 3 dicembre l’Italia sarà divisa in tre aree: zone rosse, che sono quelle ad alto rischio; zone arancioni, rischio intermedio; zone gialle, le più sicure. E in base alla zona, ovviamente, ci sono regole e divieti differenti.

REGOLE IN ZONE GIALLE – Didattica a distanza al 100% nelle superiore, nel trasporto pubblico capienza dimezzata (50% su bus, metro e treni regionali), centri commerciali chiusi nel weekend e giorni festivi, fermi i musei, le mostre, le sale bingo, sospesi i concorsi pubblici eccezion fatta per quelli che riguardano la sanità. Cambia il coprifuoco: non più dalle 23 alle 5 del mattino, ma dalle 22 alle 5.

REGOLE IN ZONE ARANCIONI – Qui le regole sono più aspre: si salvano parrucchieri e centri estetici, ma restano chiusi, per tutto il giorno, bar, ristoranti, gelaterie e pasticcerie. Vietato ogni spostamento in un Comune diverso da quello di residenza o domicilio, salvo per comprovate regioni di lavoro, studio e salute. Per il resto, valgono le regole della zona verde, con il 50% di capienza sui mezzi pubblici, DAD per le scuole superiori e coprifuoco alle 22.

REGOLE IN ZONE ROSSE – Qui le regole più aspre: vietati gli spostamenti in entrata e in uscita dai territori, perfino gli spostamenti all’interno del territori se non per comprovate esigenze lavorative o motivi di salute. La didattica a distanza non riguarderà solo le superiori, ma partirà dalla seconda media (eccezion fatta per i minori disabili). La mascherina sarà obbligatoria invece per la scuola primaria. Chiusi i bar, le pasticcerie, i ristoranti e tutti i negozi che non vendono bene essenziali. E’ consentita, invece, la ristorazione con consegna a domicilio e con asporto, ma solo fino alle 22. Aperti i negozi di alimenti e bevande nelle aree di servizio e rifornimento lungo le autostrade, le industrie, le farmacie e i supermercati. Si potranno fare passeggiate in prossimità della propria abitazione, nel rispetto della distanza di almeno un metro da ogni altra persona e con obbligo di mascherina.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" ne autorizzi il loro utilizzo.

Chiudi

Powered by themekiller.com anime4online.com animextoon.com apk4phone.com tengag.com moviekillers.com